Piemonte – Monferrato – “Dal Bialbero alla Panchina Gialla”

Primo giretto “serio” dell’anno e come quasi sempre accade, lo si fa arrotondando le gomme, annoiate dalla lunga stagione invernale, sulle curve delle colline del Monferrato.

Nonostante ci sia stato mille volte, c’è sempre qualcosa da scoprire ed oggi andiamo ad ammirare per la prima volta il “bialbero”. Situato tra Grana e Casorzo, è un albero veramente singolare. La parte inferiore è un gelso mentre dal cuore del suo fusto esce un ciliegio ! Vedere per credere !

Ci sarebbe l’intenzione di pranzare in una trattoria di Grana ma essendo solo mezzogiorno, proseguiamo a zonzo verso sud, alternando strade note ad altre ignote…

I morsi della fame iniziano a farsi sentire mentre ci avviciniamo a Nizza Monferrato dove è quindi d’uopo fermarsi e cercare un bel locale dove metter le gambe sotto il tavolo.

Veniamo ispirati da un’enoteca che si trova in una viuzza del centro storico, La Signora in Rosso.

Entrando scendiamo alcuni scalini e ci ritroviamo in un magnifico locale, una vera e propria cantina con mattoni a vista, bottiglie pregiate a vista ed arredato in modo veramente superbo.

Accolti caldamente e trattati benissimo, anche i piatti ed i calici di Barbera di Nizza non ci deludono, anzi…

Col palato soddisfatto, ritorniamo in sella alla moto, parcheggiata appena fuori dal locale, per riprendere a gironzolare… Siamo a Nizza, non vogliamo mica farci mancare la ventina di chilometri di curve e saliscendi che la separano da Acqui Terme ?! Certo che no ! Con le vigne spoglie e con un cielo un pò grigiastro e velato, l’attenzione questa volta non va tanto al panorama ma al divertimento del condurre Mindina lungo questo tragitto sinuoso.

Da Acqui a Strevi il passo è brevissimo e decidiamo di andare alla scoperta della nuova panchina gigante posizionata in un punto panoramico su uno dei colli circostanti. E’ la nostra quinta “Big Bench”, le grandi panchine del progetto a scopo benefico del Big Bench Community Project, ed anch’essa si fa subito apprezzare come le precedenti: a yellow bench for yellow people !

Purtroppo non abbiamo modo di godercela appieno perché è domenica pomeriggio e quindi molto frequentata. Anche la foschia che ci nasconde il magnifico panorama che possiamo solo intuire, ci invoglia a ritornare per apprezzarla meglio in una giornata limpida.

Ci avviamo quindi verso casa, dirigendo verso Alessandria e quindi Casale per abbandonare il Monferrato ed attraversare parte della Lomellina passando per Mortara e rientrando alla maison giusto al tramonto.

Come primo giringiro direi che possiamo ritenerci molto soddisfatti…

 

 

 

Advertisements

6 thoughts on “Piemonte – Monferrato – “Dal Bialbero alla Panchina Gialla”

  1. Direi che come primo giretto pre primaverile non è niente male. Brava Laura che ti segue sempre, ma spezzando una lancia in tuo favore credo che tu sappia prenderla per la gola nel modo giusto. Qualsiasi passeggiata tra campi spogli e alberi dal doppio fusto se coronati dalla giusta locanda non può che essere un successo. Bel giro. Io quest’anno non riesco a trascinare il mio Lui da nessuna parte. Giusto una toccata e fuga nelle Marche con uno stop interessante a Brisighella. Ciao Max. Un abbraccione a te e Laura 🙂

  2. Pingback: Piemonte – Monferrato e Langhe – Nuove panchine per i Lillipuziani | Max510's Blog

Dimmi cosa ne pensi - Please, leave your thoughts

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: